Mustard e Gentian: due fiori parenti ma non di sangue

Water Violet, Gorse, Willow: oggi ho colto tre fiori per te
5 Maggio 2019
Mimulus: io sono te
19 Luglio 2019

Dalle parole di Bach, MUSTARD, Sinapis arvensis (Senape selvatica):
“Per coloro che sono soggetti a periodi di malinconia, o addirittura di disperazione, come se una fredda e scura nube li avvolgesse nascondendo la luce e la gioia della vita. Non è possibile fornire una ragione o una spiegazione per questi attacchi. In queste condizioni è quasi impossibile apparire felici o gai”.:

Dalle parole di Bach, GENTIAN, Gentiana amarella (Genziana):
“Per coloro che si scoraggiano facilmente. Queste persone possono progredire bene nella malattia o negli affari della vita di tutti i giorni, ma ogni piccolo ritardo o ostacolo in questa progressione, causa dubbi e li demoralizza”. 

Emozione di base secondo Bach, MUSTARD:
Scarso interesse per il presente.

Emozione di base secondo Bach, GENTIAN: 
Incertezza.

Apparentemente due essenze mirate a riarmonizzare lo stesso tipo di stato emotivo. Ma la differenza è notevole. Ecco perché sono partita in modo così schematico questa volta. La logica ci aiuta a vederne le divergenze.

MUSTARD riflette uno stato malinconico e depressivo, ma soprattutto una tristezza priva di emozioni o di pianto, uno stato di malessere inspiegabile che mortifica la voglia di vivere, creando un senso di vuoto, un sordo dolore.

GENTIAN riflette uno stato di depressione momentanea causata da avvenimenti dolorosi, una mancanza di speranza, una profonda malinconia, utile quindi per chi si lascia vivere dai propri problemi, per chi vive con eccessivo pathos, così da ritrovarsi scoraggiato e privo di energia. Lo stato del pessimismo cronico, della rassegnazione a ciò che giunge di “negativo”.

Un abisso tra i due:

il VUOTO, il BUCO NERO:

Mustard: il buio del cadere in uno stato senza emozioni

Il PIENO, l’ARCOBALENO:

Gentian: il pieno dei colori delle emozioni di bassa vibrazione

E finalmente guardiamo lo stato positivo, il regalo che ognuno di loro porta con un colore e una vibrazione diversa:

MUSTARD: equanimità e vitalità emotiva, chiarezza e luce interiore, forza spirituale, profonda gioia di vivere.

GENTIAN: perseveranza, fiducia per continuare nonostante le avversità, discernimento, capacità di lottare senza scoraggiarsi.

Potremmo dire che i due bellissimi fiori camminano accanto senza tenersi per mano

PS: i tratti caratteriali descritti sono ovviamente e come sempre esasperati per meglio spiegare i concetti. Ognuno di noi ha caratteristiche più o meno fisse e stabili e di diversi livell; ed ognuno di noi è attraversato da stati mentali o emozionali transitori e passeggeri.

Mille fiori a te!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *