Larch: il fiore della fiducia in se stessi

Wild Oat: la frequenza universale della missione
22 Ottobre 2017
Scleranthus: il fiore per l’equilibrio e la fermezza
26 Ottobre 2017

stockInizio a scrivere non senza aver preso una goccia di Larch

La sua vibrazione va a sintonizzarsi con la mia. E mi riconnette alla fiducia in me stessa e nelle mie capacità, alla comprensione e al riconoscimento del mio…….VALORE.

Bach afferma che il rimedio Larch è:

per quelli che non si considerano abili o capaci quanto quelli che stanno intorno a loro, che si aspettano di fallire, sentono che non avranno mai successo e così non si avventurano o non fanno uno sforzo sufficiente per riuscire”.

Mi tocca moltissimo tutto ciò e so che è successo a molti di noi di credere a parole che ci hanno detto quando eravamo piccoli. Che non eravamo capaci di fare qualcosa, che c’erano altri più “bravi” di noi e via dicendo. Qualcosa che tentava di annullare il valore, unico e speciale, che ognuno di noi E’. Ogni essere umano, animale e pianta è un valore e come tale porta il suo unico contributo alla creazione.

L’essenza di questo piccolo fiore rosso porpora ci riporta, attraverso la sua frequenza, a riallinearci con questo indiscutibile assioma.
Il dono che riceviamo ha un valore incommensurabile.

Ma ecco l’albero, da cui arriva questo grande rimedio. E’ il Larice il cui nome botanico è Larix Decidua. Ma per capire meglio, osserviamo ora l’albero e il personaggio.

Dipartimento di Scienze della Vita, Università di Trieste - Progetto Dryades - Picture by Andrea Moro - Città di Ginevra, Conservatoire et Jardin Botaniques de la Ville de Genève., Svizzera, - Image licensed under a Creative Commons Attribution Non Commercial Share-Alike 3.0 License

Le sue radici sono profonde per sopportare l’altezza a cui arriva – in Europa da 40 fino a 56 m- ed estese per poter cercare l’umidità di cui ha bisogno. Sono inoltre molto profonde.

Legno-di-larice

Rispecchia dunque una personalità in buona relazione con l’energia della terra, la parte inconscia e il passato.

Il tronco è forte ed eretto e va ad assottigliarsi salendo verso l’alto fino a che sulla punta comincia a pendere. I rami crescono ad angolo retto rispetto al tronco ma nelle lunghezze vanno ad inclinarsi, nonostante che le sue punte manifestino una tendenza ad ascendere. La corteccia è spessissima come se necessitasse di “proteggersi”.

corteccia lariceLarix-deciduacadente

La sua personalità (tronco e corteccia) appare forte e resistente ma alla fine tende a doppiarsi, visto che le punte dei rami si dividono in due. Questo fa vedere una scarsa fiducia in se stesso e poco tolleranza verso il fallimento. La sua struttura generale però è forte tanto che si può affermare che la sua IMPOTENZA o INCAPACITA’ non è il suo vero problema. Il suo punto debole è il “credere di non potere”. Con questo mi riallaccio a ciò di cui parlavo prima rispetto alle “credenze”.

Parlando delle foglie, ossia della relazione con gli altri, il Larice è una delle rarissime conifere che perde le foglie d’inverno (deciduus in latino significa “cadere giù). Per necessità di salvare e tenere da parte energia. Le sue foglie, fatte ad aghi, sono piccole e delicate.  Dunque una persona tendenzialmente debole e fragile rispetto alle sue relazioni esterne.

laricefoglie

Ma ecco i fiori, il vero potere della pianta:

laricefioreFiori rossi femminili

Rossi quelli femminili. Il colore ROSSO implica AZIONE e VALORE. Il fiore si apre al cielo per ricevere tutta l’energia del sole in modo che essa penetri all’interno per illuminare di nuovo le parti rimaste in ombra e spingere all’azione, al movimento, alla terra.

Gialli, la maggioranza dei fiori maschili. Colore che apporta fiducia in se stessi, il colore della luce del sole che dall’alto si dirige verso il suolo, fino alle radici. Fiori che apportano tutta la forza che l’albero/persona crede di non possedere.

Con il metodo della ebollizione, come illustrato da Bach – facendoli cioè bollire per mezz’ora in una pentola smaltata e poi filtrati- i fiori maschili e femminili, in combinazioni con i diversi Elementi, sprigionano tutta la loro preziosa essenza, mettendola al nostro servizio, con generosità ed abbondanza.

laricefiorimasfemFiori maschili gialli e fiori femminili rossi

Ed ecco che, paradossalmente e realisticamente, la parola AUTOSTIMA perde il senso di esistere.

Mille fiori a te!

PS: i tratti caratteriali descritti sono ovviamente e come sempre esasperati per meglio spiegare i concetti. Ognuno di noi ha caratteristiche più o meno fisse e stabili e di diversi livell; ed ognuno di noi è attraversato da stati mentali o emozionali transitori e passeggeri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *